Ailettes. 1320 Sir De Bacon England

Sir De Bacon 1320 Suffolk

Ailettes. 1260 From London. BL Additional 62925 The Rutland Psalter - Folio 012v - , British Libraryjpg

BL Additional 62925 The Rutland Psalter – Folio 012v – Dating 1260 From London, British Libraryjpg

ANTICHI POPOLI ricostruisce dal 2003 gli aspetti civili e militari del periodo compreso tra la Battaglia di Campaldino (11 Giugno 1289) e quella di Altopascio (23 settembre 1325) per cui ci siamo cimentati a ricostruire le armature in uso all’epoca, Comprese le alette.

Meglio conosciute in francese come Ailettes esse sono un particolare pezzo di armatura in uso alla cavalleria…..eppur ci siamo accorti che sono poco note anche in ambito Rievocativo.

Cavaliere con alette

Cavaliere con alette

Certamente questo dipende dalla breve durata del loro impiego visto che furono massicciamente utilizzate dai cavalieri all’incirca fra il 1290 e il 1330 ( anche più tardi in Francia e  nel nord Europa), per poi scomparire velocemente e mai più apparire.

Ailettes 1407 France. BNF Arsenal 3479 Legends of the Holy Grail - Folio 523. Bibliothèque Nationale

BNF Arsenal 3479 Legends of the Holy Grail – Folio 523- dating 1407- From France (exact location unknown). Bibliothèque Nationale

Qui potete trovare moltissime rappresentazioni funebri.

Le ailettes, piccole ali, prendono nome appunto dalla posizione i cui venivano ancorate, tra collo e spalla. La loro funzione è discussa: protezione o insegna araldica? Entrambe le tesi hanno punti a loro favore perché se da un lato vi sono raffigurazioni di alette prive di segni araldici o decorazioni ( che propenderebbe per una funzione meramente protettiva) , d’altra parte esse riportano decorazioni araldiche nella maggioranza delle rappresentazioni.

Ailettes. 1300-1325 France . Bodley Ashmole 828 Lancelot Cycle - Folio 53v - Bodleian Library

Bodley Ashmole 828 Lancelot Cycle – Folio 53v – Dating 1300-1325 – From France (exact location unknown)- Bodleian Library

La posizione di aggancio poi non è univoca: sono rappresentate agganciate al camaglio ( cosa che riducendo la mobilità, propende per una funzione araldica, di riconoscimento personale), o sulla spalla ( posizione che propenderebbe per una funzione nettamente difensiva).

Cavaliere con alette

Cavaliere con alette

La nostra impressione da rievocatori è che le alette probabilmente avessero ENTRAMBE le funzioni…..esattamente come lo scudo infatti, che è una protezione passiva, ma che può essere ricoperto di simboli di araldici. Se non sapeste il loro nome infatti non li chiamereste scudini da spalla? Ebbene erano proprio chiamati piccoli scudi o scudini prima che il nome francese ailettes si Imponesse.

Ailettes 1300-1350 France. BNF Arsenal 3481 Ci commence li livres de Lancelot du Lac- Folio 278r, Bibliothèque Nationale, France

Ailettes 1300-1350 France. BNF Arsenal 3481 Ci commence li livres de Lancelot du Lac- Folio 278r, Bibliothèque Nationale, France

Solitamente erano di cuoio bollito o legno e pelle, di forma rettangolare più che quadrata ma se ne vedono raffigurati anche a tondi o ovoidali, seppur in numero modesto.

Le alette venivano fissate agli anelli dell’armatura sottostante tramite legacci in seta o cuoio. Quali saranno dunque stati i motivi della scomparsa? Sicuramente la diminuzione e poi la perdita delle loro funzioni, a seguito dell’evoluzione delle armature: Elmi a celata mobile e l’arrivo di rotelle prima e guardiagolette poi potrebbero aver inficiato l’utilità delle Alette come sistema di identificazione e protezione.

Per un maggior ragguaglio a tale proposito richiamiamo l’approfondita e bella analisi che potete trovare qui.

ANTICHI POPOLI since 2003 is reconstructing the civil and military aspects of the period between the Battle of Campaldino (11 June 1289) and that of Altopascio (23 September 1325). Therefore we are committed in reconstructing the armor in use at the time, including the ailettes .Better known in French as Ailettes, they were a particular piece of armor used by the cavalry… ..and yet we have noticed the questions that are little known even in the re-enactment field. Certainly this depends on the short last of their use since they were massively used by knights between 1290 and 1330 (even later in France and norther Europe), only to quickly disappear and never appear again. Here you can find many funeral representations. The ailettes, litterally small wings, take their name precisely from the position in which they were anchored, between the neck and shoulder. Their function is debated: protection or heraldic ensign? Both theses have points in their favor because on one hand there are representations of ailettess without heraldic signs or decorations (which would favour a purely protective function), on the other hand they show heraldic decorations in most of the representations. The hooking position is not univocal: they are represented hooked to the coif (which, reducing mobility, go towards a heraldic function), or on the shoulder (a position that would favor a clearly defensive function). Our impression as reenactors is that the ailettess probably had BOTH functions… ..exactly like the shield indeed, which is a passive protection, but which can be covered with heraldic symbols. If you didn’t know their name, wouldn’t you call them shoulder shields? Well they were just called little shields before the French name ailettes spread. Usually they were of boiled leather or wood and leather, rectangular rather than square but they are also depicted in round or ovoid shapes, albeit in modest numbers. The ailettes  were attached to the rings of the underlying armor with silk or leather ties. So what were the reasons for they disappeared? Surely the decrease and then the loss of their functions, as a result of the evolution of the armor: Helmets with movable visor and the arrival of besagew first and guardagoletta later may have affected the usefulness of the ailettes as a system of heraldic identification and protection. For more information in this regard, we refer to the in-depth and beautiful analysis that you can find here.