ETRUSCO

Civitas Etrusca “Dodecapoli”

DODECAPOLI Dopo 3 anni di preparazione, e forte della decennale esperienza in campo rievocativo ha scelto di ricostruire una gens etrusca del periodo tra i secoli VI e IV a.C., ossia da quando la potenza etrusca raggiunse il suo massimo, con un ruolo di prim’ordine sul mar Tirreno fino all’inizio dell’espansione romana con la conquista, già a metà del IV secolo, dell’Etruria meridionale.
Il gruppo, sulla scorta dei documenti storici, archeologici, di testimonianze iconografiche e repertali, studia e rappresenta i principali aspetti della la vita quotidiana civiltà etrusca pre-romana.

Gli Etruschi restano un popolo affascinante e misterioso tanto da esser oggetto di dibattito fin dai tempi antichi circa la loro provenienza: autoctoni o orientali?

Giunsero nel paese degli Umbri e mutarono il nome di Lidii in un altro, tratto dal figlio del re che li aveva guidati: prendendo il suo stesso nome si chiamarono Tirreni” (Erodoto).

Oggi Gli Etruschi accrescono il loro Fascino via via che le nuove scoperte svelano sempre di più i loro misteri. Indicati dai Greci con il nome di Tirreni o Pelasgi, chiamati Etruschi o Tusci dai Romani, autodefinitisi Rasna: chi erano in realtà gli Etruschi? Da dove venivano?

Già il Pallottino notò che chiedersi da dove venissero gli etruschi era una falsa domanda a cui  potevano esistere solo false risposte. Sarebbe meglio chiedersi come si formò questo popolo?

Recenti studi indicano come gli Etruschi siano originati da un fenomeno di aggregazioni di culture diverse. Popoli indoeuropei immigrati in Toscana alto Lazio, parte dell’Emilia Romagna e della Campania  si mescolarono con genti autoctone ( villanoviani del IX e il VII secolo a.C.)   e gruppi pervenuti dal Vicino Oriente e dalla Grecia interessati ai traffici marittimi, attratti dalle risorse minerarie.

Inutile cercare gli Etruschi prima della loro comparsa, perché la loro civiltà è il risultato di un processo di integrazione tra vari popoli e varie culture verificatosi in Etruria alla fine del II millennio.  (Massimo Pallottino).

Genti greche e orientali ebbero una fortissima influenza sulla cultura etrusca, tanto che si parla di “orientalizzante” tra la fine dell’VIII e l’inizio del VI secolo.

La nostra scelta si orienta invece nel rievocare il periodo successivo (compreso tra i secoli VI e IV a.C.), quando la potenza etrusca raggiunse il suo massimo, con un ruolo di prim’ordine sul mar Tirreno (Battaglia di Alalia, 540 a.C., affermazione della talassocrazia etrusca), passando per il momento in cui le città costiere etrusche entrarono in crisi (Battaglia di Cuma, 474 a.C.) e si affermarono le città interne e acquistarono grande importanza le colonie dell’alto Adriatico (Adria e Spina), per poi arrivare al IV secolo, caratterizzato dall’inizio dell’espansione romana con la conquista, già a metà del secolo, dell’Etruria meridionale.

Strigile: Progetto replica Strigile di costa delle Dupiane (tomba B), custodito a Vetulonia c/o Museo Isidoro Falchi. Si ringrazia la Dott.ssa Biancamaria Aranguren, della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Siena, Grosseto e Arezzo, per aver concesso il permesso di utilizzare i dati; il Museo Isidoro Falchi di Vetulonia nella persone della Dott.ssa Costanza Quaratesi e della Direttrice Dott.ssa Simona Rafanelli, per la disponibilità dimostrata. Infine un grazie alle esperte mani dell’autore Vincenzo Pastorelli


Cappello da Aruspice: Replica di Cappello da Aruspice in feltro realizzato da Valentina Grossi sulla scorta del bronzetto esposto al Museo Etrusco Gregoriano c/o i Musei Vaticani, Roma.


Fegato: Solo 2 gr in più dell’originale, stesse identiche dimensioni, stesso materiale: un capolavoro di Luca Bedini, sembra un Fegato…ma per noi è un pezzo di cuore.

Attività Etrusco

Proponiamo combattenti e figuranti, duelli, cortei, didattiche e animazioni recitate, campo completo e cucina da campo funzionante.

 

Le nostre Didattiche comprendono:

Accensione fuoco con acciarino,

Armamento,

Ghiande missili,

Giochi antichi,

Banco alimentare,

Erborista,

Scrittura e inchiostri,

Aruspicina

Cosmesi e profumi,

Igiene con sapone artigianale e bucato,

Fabbro,

Ciclo della lana,

Tintura delle stoffe,

Giochi antichi

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Youtube

Antichi Popoli in radio